Siete quiStoria di Vescovana

Storia di Vescovana


Appunti e notizie sulla nascita del Sistema Amministrativo del nostro Comune dipendente dal Reggio Governo Austriaco.

- 12 febbraio 1816 –

 

municipio

 

Dopo il congresso di Vienna e precisamente nei giorni 7 e 24 aprile 1815 l’imperatore d’Austria Francesco Primo erige in regno il Lombrado Veneto diviso amministrativament in due territori separati dal fiume Mincio. Ogni territorio si divide in Provincie, ogni Provincia in Distretti e i Distretti in Comuni.

Le ordinanze e i regolamenti di carattere amministrativo venivano definite come patenti regi. Ed e’ in seguito alla patente emanata il 12 febbraio 1816 che le Provincie, i Distretti e i comuni acquistano personalita’ giuridica e amministrativa. Mi pare sia importante leggere l’autentica Notificazione emanata il 4 aprile 181 dal governatore di Venzia Conte Pietro di Goess con la qule si da esecuzione in tutto il Vento alla nascita delle nuove Amministrazioni.

"Essendosi degnata S.M. di approvare il regolamento per l’attivazione del nuovo sistema di Amministrazione Comunale stabilito con la regia patente

del 12 febbraio 1816 il governo di Venezia ordina che sia portato a pubblica notizia per la corrispondente esecuzione".

La scelta degli amministratori avviene per convocato generale dei possessori estimati nel Comune. Cioe’ di tutti coloro chepossiedono beni e capitali, Tali possidenti eleggono tre deputati amministratori comunali. Ipossidenti vengono convocati due volte l’anno. A febbraio per esaminare il rendiconto della gestione secondo il rapporto fatto dal revisore dei conti e nella stessa riunione stabiliscono le tasse personali dopo avere sentito il deputato alla tassa personale. La seconda riunione avviene in settembre nella quale si rinnovano o si confermano i tre deputati amministratoricomunali e si determina il preventivo per l’anno successivo. La riunione del Convocato generaleviene pubblicata nella piazza di ciascun Comune. Inoltre il corsore del comune nel giorno festivo dovrà avvisare con alta voce alla porta della Chiesa Parrocchiale, subito dopo la messa, gli abitanti del giorno e dell’ora di tale adunanza e degli oggetti che devono trattarsi.

La riunione si tiene in luogo pubblico e il cancelliere del Censo da’ l’ordine perche’ col suono della campana si annunci che l’adunanza e’ aperta. Ogni possessore durante l’adunanza puo’ intervennire una sola volta. Durante tale adunanza vengono eletti tre deputati comunali i quali a loro volta nominano un agente che vigila su tutti gli affari del Comune, tiene un registro dei redditi provenienti dai fondi o dai diritti comunali e relative spese. Tale agente viene stipendiato come sono stipendiati il campanaro, il custode dell’orologio comunale, il sagrestano, il campanaro, il seppellittore, il cursore, il pastaro del sale.

In ogni Comune, anche piccolo, intervengono i Cancellieri del Censo che hanno il dovere di stabilire se i possidenti intervenuti all’assemblea hanno gli attributi fissati dalle Autorita’ Superiori. Inoltre agli intervenuti fanno presente gli ordini e le leggi del governo. Dopo ogni adunanza i cancellieri trasmettono alla regia delegazione provinciale una dettagliata relazione e il bilancio preventivo e consuntivo firmato anche dai deputati amministratori del Comune.

Alla notificazione su esposta se ne aggiunge un’altra che fissa il compartimento territoriale delle Provincie del vento. Da tale notificazione emerge che la provincia di Padova viene divisa in dodici distretti: Padova, Mirano, Noale, Campo San Pietro, Piazzola, Teolo, Battaglia, Montagnana, Este, Monselice, Conselve, Piove.

Il nostro Comune chiamato Vescovana Granze è compreso nel distretto di Este. Abbiamo detto che in ciascun comune vengono eletti dall’assemblea dei possidenti tre deputati amministratori, il primo dei quali viene scelto a scrutinio segreto tra i tre primi possidenti del comune, gli altri due in modo indistinto tra gli altri possidenti. Tutti durano in ufficio un anno e possono essere rieletti. Sarebbe interessante conoscere il nome dei deputati eletti nel nostro comune a partire dal 1816 fino al 1866, anno in cui termina l’Amministrazione Austriaca e inizia la regia Amministrazione dei Savoia. Siamo riusciti a trovare un documento in cui viene citato il nome degli ultimi tre deputati che segnano la fine del regno Longobardo Veneto anche nel nostro Comune. Essi sono Prosdocimi dott. Matteo, Destro Silvestro, Zangirolami Giuseppe.

 

via Roma